Kinnara - ore 17:00 I Percussionisti - ore 19:00 Marbleland - ore 22:00

Domenica 21 luglio, Campocecina

Ore 17:00

Kinnara – Omaggio a Fabrizio De Andrè

Paolo Pardini, Andrea Vezzoni, Cesare Lo Jacono, Luca Tommasi

Così i Kinnara descrivono i loro concerti:

“…Consideriamo questi concerti come un Viaggio nelle canzoni di Faber proprio perché ogni viaggio rappresenta l’inizio e la meta di storie e avventure che hanno luogo principalmente dentro di noi, in modo che raccontarle è un puro pretesto per potersi interessare e pensare e per ritrovare la meravigliosa sensazione della memoria, nelle emozioni che le canzoni di Fabrizio rinnovano ogni volta in voi nell’ascoltarle e in noi nell’interpretarle.”

Ore 19:00

I Percussionisti – Gruppo di giovani musicisti

Elisa Legname, Marta Griselli, Lin Gabrielli, Daniele Desi, Nicolò Bonni, Marco Costantini

I giovani musicisti de “I Percussionisti” così descrivono il loro percorso:

“Non c’è una data ufficiale che dia origine al gruppo, l’idea di arrangiare brani contemporanei per ensemble di percussioni parte dalle scuole medie con il prof. Michele Vannucci che decide di dare ai suoi alunni l’opportunità di suonare assieme.
Il gruppo vero e proprio comincia a prendere forma tra il 2014 e il 2015 quando, essendo parte della Sezione Orchestrale delle Percussioni dell’Associazione ODM (Orchestra della scuola Don Milani), ci siamo ritrovati a voler continuare questa esperienza di gruppo, con arrangiamenti più complessi e creativi.
Da qui sopraggiunge la necessità di essere più indipendenti sia negli arrangiamenti dei brani, sia per quanto riguarda l’organizzazione, la logistica e i trasporti.
Ad oggi siamo un gruppo che ha voglia di mettersi in gioco e di fare nuove esperienze, che cercherà col tempo di affinare e raffinare il modo di comporre/arrangiare, organizzarsi e suonare, cercando di portare nel cuore delle altre persone quello che la musica ha portato nel nostro”.


Ore 22:00

Marbleland

Soledad Nicolazzi, drammaturgia, regia e interpretazione
Dalia Padoa, drammaturgia e aiuto regia
Alessandra D’Aietti, musiche
Collettivo “La fossa degli angeli”, progetto immagini e video
Fabio Ronconi, progetto luci

Spettacolo teatrale che parte dall’amore verso una terra aspra e contradditoria: le Apuane.
Dall’ascolto delle storie dei molti attori coinvolti in un grande affresco: cavatori, imprenditori, scultori, artigiani, camionisti, ambientalisti . Un lavoro di circa un anno di raccolta di interviste e un laboratorio teatrale aperto ai cittadini.


Come arrivare a Campocecina

In macchina

Campocecina è raggiungibile in auto da Carrara seguendo la SS446 in direzione di Gragnana, Castelpoggio e Fosdinovo. Tre chilometri dopo l’abitato di Castelpoggio si trova il bivio della Spolverina, (prendere a destra) seguendo le indicazioni stradali per Campocecina. Arrivati al Piazzale dell’Uccelliera si prende la strada che sale sulla sinistra e dopo poche curve si arriva all’Acquasparta.

Campocecina è raggiungibile anche da Fosdinovo (seguendo sempre la SS446 in direzione Carrara) voltando a sinistra al terzo bivio (ci sono le indicazioni per Campocecina). Da Castelnuovo Magra (salendo al centro storico del paese poi proseguendo per il borgo di Vallecchia, per la località Giorgione fino all’incrocio con la SS446, dove svoltando a destra si prosegue fino al bivio per la spolverina. Qui andare a sinistra verso Campocecina).

A piedi

Campocecina è raggiungibile anche a piedi tramite escursionismo sui sentieri CAI anche da Castelpoggio, da Gragnana e da Torano.

Un sentiero semplice e piuttosto breve per raggiungere Campocecina può essere percorso dopo aver posteggiato l’auto al parcheggio dell’Uccelliera, a partire dal quale bisogna dirigersi verso sinistra lungo la strada che porta al parcheggio di Acquasparta, dopo circa 100 m si incontra sulla destra il sentiero N°182 di Fontana Antica che si percorre fino a giungere al rifugio CAI Carrara e da qui con il N° 173 si giunge ai prati di Campocecina.

Difficoltà T/E
Dislivello 150mt
Ore di cammino 0,40

Il rifugio di riferimento è il Rifugio Città di Carrara (0585 841972) della sezione CAI di Carrara. Per chi intendesse pranzare al rifugio è consigliabile la prenotazione.

Trekking

Per la giornata non sono organizzate escursioni CAI, ma per chi volesse camminare prima del concerto sono possibili trekking autonomi di varia lunghezza e difficoltà:

Scopri i percorsi

Condividi